Blog

Il ruolo degli Edge computer nell’ Economia Circolare

 

12 Aprile 2021

<a href=”https://it.freepik.com/vettori/astratto”>Astratto vettore creata da vectorjuice – it.freepik.com</a>

Economia Circolare

Abbiamo già affrontato il tema dell’edge computing analizzando come si posiziona nei trend tecnologici e di mercato, con particolare rilievo allIoT e quali differenze ci sono fra fog ed edge computing: cerchiamo ora di capire come e se questa tematica riesca ad abbracciare anche i principi dell’Economia Circolare.

Dal punto di vista delle applicazioni finali, dei mercati nei quali l’edge computing sta trovando via via sempre maggiori sbocchi, potremmo sicuramente affermare che, fra Building Automation (con particolare riguardo all’efficienza energetica), Digital Energy (smart metering, demand side management) e Monitoraggio Ambientale, senza ombra di dubbio l’edge computing contribuisce agli obiettivi generali dello sviluppo sostenibile, contribuendo ad una più efficiente ed efficace gestione delle risorse naturali, obiettivo comune con il target essenziale della Circular Economy.

Ma non basta, il nesso che c’è fra Edge computing ed Economia Circolare è non solo generico, ma specifico.

La recente risoluzione del Parlamento europeo sul Nuovo piano d’azione sull’ Economia Circolare, che si inquadra dal punto di vista generale negli obiettivi di sostenibilità di cui all’Accordo di Parigi del 2015 e che si collega all’  EU Green Deal, traccia il percorso da seguire per promuovere l’economia circolare in Europa.

Al fine di creare prodotti sostenibili che durino e consentire ai cittadini di partecipare pienamente all’economia circolare e di trarre beneficio dai cambiamenti positivi che ne derivano, il Piano prevede un quadro strategico caratterizzato da diverse misure per:

  • Garantire la progettazione di prodotti sostenibili
  • Responsabilizzare i consumatori
  • Favorire l’incremento della circolarità nei processi produttivi
  • Ridurre la produzione di rifiuti

In particolare nel Punto 3 del Piano si fa riferimento a prodotti riutilizzabili, durevoli e riparabili e viene richiamato espressamente il concetto dell’allungamento della vita utile, con riferimento alla Risoluzione del Parlamento europeo del 4 luglio 2017  che mira a promuovere i prodotti ritenuti durevoli, contrastare l’obsolescenza programmata ed offrire un sistema di tutele per il consumatore. La durabilità, l’interoperabilità, la costruzione modulare e la possibilità di upgrade in remoto sono alcuni dei punti sottolineati dalla Commissione e da sempre il tratto distintivo dei dispositivi Tera. Tutti gli edge computer IoT Tera sono progettati tenendo in considerazione alcuni aspetti di “eco-design” in linea con l’approcci emergente di sostenibilità, in particolare essi sono caratterizzati da:

  • facilità di riparazione / Intercambiabilità dei componenti: gli edge computer sono compatibili con hardware e software di terze parti (vendor lock-in free); è inoltre possibile aprire il case e sostituire la scheda madre o la scheda figlia ed eventuali batterie in maniera indipendente;
  • componenti standardizzati e modulari, gli edge computer Tera hanno case conformi “DIN rail mounting”, un approccio standard che consente di comporre soluzioni inserendo, in modo modulare, i dispositivi all’interno di quadri elettrici e cabine standard. Lo stesso vale per i connettori per I / O, che sono tutti standard aperti liberamente disponibili sul mercato;
  • aggiornabilità dei prodotti, grazie a “moduli di espansione” esterni, che comunicano tramite protocolli aperti standard gratuiti (es. Modbus), disponibili gratuitamente sul mercato;
  • aggiornamenti di sicurezza e la durabilità, per un adeguato funzionamento sia del software che dell’hardware;
  • reversibilità degli aggiornamenti software;
  • intercambiabilità e sostituibilità delle componenti (come la scheda di processore e le batterie di backup).

Con Linux a bordo ed oltre 10 protocolli di comunicazione a bordo, gli edge computer Tera sono garanzia di flessibilità, modularità e scalabilità. Installati in loco permanentemente e monitorabili da remoto, essi offrono una conoscenza in real time dei parametri fondamentali per le gestione di asset di ogni tipo, influendo così positivamente sui costi e sulle performance aziendali. In particolare, guardando agli obiettivi di efficace ed efficiente gestione delle risorse, in particolare quelle energetiche, con queste informazioni, oltre ad adempiere agli obblighi di diagnosi e monitoraggio energetico, le aziende possono effettuare una manutenzione preventiva dei macchinari industriali e quindi agire tempestivamente prima che ci siano sovraccarichi o che un dispositivo o un impianto si rompa.

Gli edge computer Tera leggono anche il consumo di energia direttamente dalla Power Line Communication sia in banda A che C e in caso di sistema fotovoltaico anche i valori di produzione di energia riportando i valori in € e in kWh direttamente sulla App, oppure eseguire comandi di modulazione in ambito DemandResponse (UVAM su piccoli impianti Fotovoltaico+Batterie, Energy Communities) , cioè monitorare e gestire i flussi di energia bidirezionali degli inverter per accumulo di batterie e altre apparecchi e carichi elettrici, anche in retrofit, per massimizzare l’autoconsumo. Grazie al loro approccio open è possibile associare agli edge computer di Tera altri dispositivi (sensori/attuatori) e software (sia applicativi che piattaforma IoT ed edge computing)  plurimarca presenti sul mercato, per liberare il cliente dai vincoli del venditore e facilitargli la personalizzazione della soluzione che meglio si adatta alle sue esigenze.

Preferenze privacy
When you visit our website, it may store information through your browser from specific services, usually in form of cookies. Here you can change your privacy preferences. Please note that blocking some types of cookies may impact your experience on our website and the services we offer.